Paganini ed Embry

Paganini: “La campanella”, terzo movimento del concerto per violino e orchestra in si minore.
Lo sto facendo ascoltare a Embry, per rendergli più gradevole l’arrivo in utero.
Mi sono ripromessa di non umanizzarlo, infondo sono 3 cellule in numero, davanti all’insuccesso soffrirei ancora di più, ma per me, che umanizzo anche i sassi, è un’impresa davvera ardua.
Oggi, in seconda giornata, hanno messo questo microscopico abitante nel mio utero. L’unico superstite. Di tre uova (belle eh!) se ne sono fertilizzate due. Un uovo e uno spermino non hanno proprio fatto amicizia, non hanno nemmeno provato a mettere vicini i pronuclei. Antipatia alla prima microiniezione. Dei due zigoti che si sono formati, stamattina hanno trovato che uno si era dato alla pazza gioia durante la notte, forse si era ubriacato col mezzo di coltura, non so, fatto è che era tutto frammentato.
E poi rimaneva lui, il nostro eroe. Tre cellule a 40h, non una bellezza insomma, poteva avere una cellulina in più, cosí avrebbe preso un voto migliore all’esame che gli hanno fatto e non sarebbe stato classificato di tipo 2.
Il centro A me lo ha cacciato subito in utero “Si riprenda subito il suo microbo-per carità-non un giorno in più qui in embriologia, prima che cambi idea e decida di smettere di dividersi”.
Ed eccoci qua.
Io mi sento stanca e svuotata: mi sembra di aver fatto una fatica enorme per produrre un foglio di carta velina.
Ammetto che l’ho amato da quando me lo hanno fatto vedere su uno schermo, cosí come si vedeva al microscopio, da quando l’ho visto come puntino bianco sul monitor dell’ecografo. Mi commuove l’idea che queste celluline abbiano 46 cromosomi, uno mio e uno di Ya Habibi.
Però sono terrorizzata che la mia mente lavori troppo, che mi affezioni all’idea di una creaturina che per ora esiste solo in potenza e che ha più probabilità di non diventare nulla che di impiantarsi.
Ora mi aspettano due settimane di attesa prima di sapere se Embry ha deciso di piantar le tende in utero o no. Al centro A dicono che posso fare di tutto meno sport estremi (!!!!) in queste due settimane. Io avrò qualche precauzione in più, giusto per non rimproverarmi nulla in caso di insuccesso. I primi 7 giorni niente faccende domestiche, niente spesa, palestra nemmeno a pensarci, niente metro e tram per evitare vibrazioni, niente bagni/docce calde. Da una parte non voglio dedicarmi/che mi dedichino troppe attenzioni, perchè questo aumenterebbe solo il valore dell’attesa, ma dall’altra parte sento la necessità di proteggere ciò che ho ottenuto con grande impegno fisico e mentale. Insomma, sto ancora cercando di capire come fare l’equilibrista senza cadere dal sottile filo su cui mi trovo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...