informiamo la socera

Dare una notizia a mia suocera è sempre un’ esperienza sorprendente, in grado di farti sentire estraniato come davanti ad un quadro surrealista

Ya Habibi: “ Mamma, volevamo dirti che siamo in lista per la fecondazione assistita”

“Uh che bella notizia, benneee!!!”

Io, un po’ perplessa “Mah, insomma, avremmo aspettato ancora un po’ a sfornare nipoti.  Poi avremmo preferito avere un figlio con i metodi vecchi, tradizionali, ha presente no?  Comunque non c’è la certezza che vada a buon fine, abbiamo una probabilità del 20% di successo … (ma sì, inflilamoci il dato statistico tanto per smorzare questi entusiasmi inopportuni)”

“No-nno-nno, hai molte più probabilità di quelle che credi!”sentenzia la suocera.

Va bene, so che è impossibile smontare le certezze granitiche che crea in un nanosecondo, ma mo’ la frego io, core de mamma è core de mamma, in Medio Oriente, quanto in Italia:

“Siamo in lista d’attesa in due centri, A e B. Nell’A siamo nella lista con priorità: abbiamo dei problemi medici sia io che Ya Habibi (Ya Habibi, YA HABIBI, Y-A—H-A-B-I-B-I … aoh, il pupo non sta bene, capito?!). Non ce lo aspettavamo. Ci hanno detto che la nostra probabilità di concepire naturalmente è uguale a quella di vincere al lotto!”

“Nooooo, tantissime persone hanno figli, non è più comme una volta. My friend Riri, lei non ha potuto avere figli e allora mi chiede sempre dei bambini (figli della sorella di Ya Habibi, ndr) e le piace che io le raconnti, e Riri è venuta con me a vedere la mostra di bonsai, ah i bonsai, insegnavano anche a fare pachetti con la stoffa, ma are you interested in Japanese culture?, I’ll send you by mail the invitation for next events, poi abbiamo fatto un tè belisssimo coi tramezzini, i cani della Riri un problema lasciarli a casa, …. “

Ok, ho solo attivato una fuga di idee.

Riunisco velocemente i quattro funzionari dell’autoconsapevolezza di cui sono dotata  che stavano facendo una partita a briscola nel retro cervello. Scuotendo la testa sconsolati per la quantità di volte che ho fatto lo stesso errore, mi ricordano che è inutile cerchi in mia suocera rispecchiamento dei miei sentimenti . Adesso non mi monterò la testa e pretenderò che lei si comporti come una mamma accogliente ed empatica con Ya Habibi?

Noi siamo qui solo per dare una comunicazione.

Lasciamo stare, quindi, ogni tentativo di spiegazione e accettiamo con rassegnazione zen che, quella che per noi è stata una notizia sconvolgente, fonte di scompenso per settimane, sia oggetto di festeggiamenti. Tempo due minuti e trovo me con un succo zuegg  in mano (perché ho bisogno di tante vitamine) e Ya Habibi con un saccottino pinoli  e piselli in bocca e un pezzo di simil-focaccia al timo in mano.

La suocera, però, che perspicace a suo modo è, avendo colto una qualche preoccupazione nella mia voce o sul mio viso, tenta un’inaspettata rimonta:”Ma sìììì, devi stare tranquìla… anzi così non ti annoi”.

Annoiarmi? Eh sì, in effetti bombarmi di ormoni deve essere elettrizzante, adesso che ci penso era anche riportato nell’elenco delle 100 cose più belle da fare prima di morire e poi, senza un pupo, passerei la mia vita a fare i sudoku e a schiacciarmi punti neri…

Ho realizzato che, nel’immaginario di mia suocera, devo essere qualcosa come un leone marino delle Galapagos svaccato su una roccia al sole. D’altra parte sono una moglie part-time che tenta di studiare, che mi aspetto?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...